Get to know: Ricciolin

IMG_3737

Per questa nuova tappa della rubrica Get to Know ho deciso di intervistare Margherita, una ragazza riccia come me nonché mia collega di università che si diletta a dare vita a dei bijoux intrecciando fili metallici, cristalli e pietre. Dal nostro incontro e dalla condivisione di molte passioni comuni, quali l’amore per arte, l’handmade e i capelli ricci, sono nate delle creazioni uniche e totalmente personalizzate. Curiosi di scoprire il mondo Ricciolin?

Quando hai cominciato a realizzare bijoux e da dove è nata l’idea?
Questa è una passione che ho fin da quando ero bambina quando con le mie amiche “giocavo con le perline” e facevo piccoli braccialetti per loro. Si collega molto alla mia necessità di sperimentare e di dar sfogo alla creatività. La linea Ricciolin però è nata poco più di un anno fa quando ho scoperto la tecnica del wirewrapped: inizialmente cercavo di impararla prendendo spunto dal web ma i risultati migliori li ho ottenuti quando ho iniziato a dar sfogo alla mia fantasia cogliendo ispirazione da ciò che mi circonda…( i miei capelli ad esempio).

IMG_3784

Per te handmade significa…
Handmade per me è un concetto che raggruppa due elementi fondamentali: il “creare” e il “poter usare” ciò che ho creato. L’idea del creare contiene in sé un elemento vitale potente che ti può aiutare in un percorso di crescita personale. Il fatto, poi, che questa creazione non si fermi all’astratto ma diventi qualcosa di materiale che puoi indossare dà anche uno scopo pratico e originale al tutto. Handmade significa impegno, risultati, pazienza e soddisfazione ma soprattutto qualità.

Cosa provi quando vedi le tue creazioni indossate da qualcuno?
Soddisfazione è dir poco! È come il concludersi di un processo e l’aprirsene di uno nuovo: il mio creativo e quello quotidiano di chi lo indossa. Mi piace pensare che anche i gioielli vivano –a modo loro- delle “vite”, che possano accompagnare ogni persona nei vari momenti della giornata e conservare al loro interno i vari ricordi ma allo stesso tempo rappresentare chi li indossa (per questo punto molto sul gioiello personalizzabile e pezzo unico).

IMG_3766

Qual è la tua creazione preferita e che più ti rappresenta? Perché?
Ogni creazione appena finita la sento unica e speciale perché sono riuscita a crearla dal nulla; devo ammettere però che ogni primo modello ha per me un legame affettivo molto forte. Quanto al sentirmi rappresentata in ciò che faccio cerco di mettere in ogni modello un pezzo di me: non a caso sono tutti dei “ricciolin” come me.

Perché la scelta del materiale?
Per due motivi principali. La scelta di metalli come rame e argento per evitare elementi tossici come il nikel che può far male alla nostra pelle e di cui purtroppo la gioielleria è sempre più piena. Inoltre ho scelto i minerali perché mi sono appassionata alla cristalloterapia e quindi l’idea di poter indossare tutti i giorni qualcosa di bello che possa allo stesso tempo fare bene fisicamente e mentalmente mi fa letteralmente impazzire! Per di più ritengo che il vetro con le sue trasparenze e i colori vivaci abbia la capacità di renderti migliore la giornata con una sola occhiata!

Processed with VSCO with hb1 preset

Da dove nasce l’ispirazione?
Dal disegno alla stoffa, dalla fotografia ai colori sono sempre alla ricerca di mezzi con cui esprimere la mia creatività cercando sempre di sperimentare nuove tecniche e materiali. Un giorno, poi, ho scoperto la tecnica del wirewrapped e per scherzo ho iniziato a giocherellare con del filo metallico. Beh, da allora non l’ho più abbandonato e ho iniziato a rendere sempre più personali le mie creazioni facendole nascere dalla mia fantasia.

Indossare un gioiello Ricciolin, creato su misura per te in modo che ti rappresenti a pieno, è una vera gioia. Potete trovare tutte le creazioni di Margherita sul profilo Instagram Ricciolin Gioie e Gioielli: sono sicura che vi appassionerete anche voi al suo universo creativo!

IMG_3726IMG_3812

T-shirt & trousers: Stradivarius

Biker: Zara

Sneakers: Adidas

Bag: O bag

Watch: Danie Wellington (code STELIA for 15% off on DanielWellington.com until june 15)

Sunglasses: Ray-Ban

Nail polish: MI-NY cosmetics “Yellow Jade”

In shape with Tummy Tea Tox

2017-05-05 06.23.50 1

Ebbene sì, l’estate è alle porte e la prova costume incombe. Anche voi vi siete concesse qualche sgarro di troppo nella stagione invernale e sentite il bisogno di rimettervi in forma? Niente panico! Tummy Tea Tox arriva in nostro aiuto proponendo un programma detox dalla durata di 20 giorni. Il programma è diviso in due fasi, “avvia” e “attiva”, alle quali corrispondono i diversi prodotti contenuti nella box, tutti composti da ingredienti naturali.

Processed with VSCO

Primi 10 giorni: AVVIA
La prima fase consiste in una depurazione dell’organismo per predisporre il corpo al cambiamento. I prodotti protagonisti sono due the: Daily Kick e Sleep Tight. Il primo è stato ideato per un perfetto risveglio: la sua miscela di the verde, anice, finocchio e menta peperita dà la giusta carica per affrontare la giornata al meglio, riducendo il senso di gonfiore e attivando il metabolismo corporeo.
Il secondo infuso, composto da buccia d’arancia, melissa, menta e citronella, concilia un sonno ristoratore, riduce il senso di stress e aiuta il corpo a rigenerarsi mentre sono in atto i processi di depurazione anche mentre si dorme.

Processed with VSCO with hb1 preset

Seguenti 10 giorni: ATTIVA
Dopo aver liberato l’organismo da tossine e cattive sostanze, il corpo deve essere stimolato allo scioglimento dei grassi su più fronti, coinvolgendo vari organi. Nella seconda fase infatti vengono aggiunti alla routine quotidiana tre nuovi prodotti.
Primi fra tutti gli Slimbiotics, che aiutano la corretta funzione intestinale. I probiotici, abbinati a carciofo di Gerusalemme, cicoria e megaflora9, aiutano a regolarizzare l’equilibrio digestivo, riducono le infiammazioni e forniscono energia per tutta la giornata. Gli Happy Enzymes invece sono gli alleati perfetti per chi non vuole rinunciare del tutto ai piaceri della tavola. La miscela di Digezyme, zenzero, papaya e kiwi stimola la corretta digestione e la decomposizione dei cibi, pulisce il fegato e aiuta ad eliminare i kili di troppo.
Infine abbiamo il Cleanse Drink, una bevanda disintossicante a base di fragola che contiene antiossidanti, cardo mariano, dente di leone e bacche di sambuco nero. Ideale da inserire nel vostro smoothie o da sciogliere semplicemente in acqua, dà una mano in più nella perdita di peso, ripulendo l’organismo dall’interno in modo naturale.

Processed with VSCO with hb1 preset

Inoltre insieme al pacchetto di prodotti Tummy Tea Tox riceverete una scheda con un programma alimentare da abbinare alle due fasi, ricco di ricette sane, facili e sfiziose, e anche un piano di esercizi fisici. Se siete curiose di sapere di più al riguardo correte sul sito TummyTeaTox.it e scoprite tutti i dettagli di questo programma. Sono sicura che insieme a questi prodotti potrete preparavi al meglio per l’estate e rimettervi in forma con allegria, grinta e tanta energia!

How to wear it: Chemisier

Processed with VSCO

Eccomi tornata con un nuovo articolo della rubrica “How to wear it” dove vi propongo come indossare e abbinare dei capi must. Questa volta parliamo dell’abito chemisier, un capo che nelle sue numerose varianti può stare bene proprio a tutte.
Lo chemisier è un abito dalle linee essenziali che in sostanza riprende il taglio e la struttura delle camicie da uomo. Da capo prettamente maschile, in principio con l’aggiunta di una cintura in vita, è diventato negli anni un indumento iconico declinato in innumerevoli modi.

Processed with VSCO

Nel corso degli anni 50 lo chemisier viene consacrato ed è impossibile non trovarne almeno uno nel guardaroba di una perfetta donna alla moda: in quegli anni prevale il modello in tessuto leggero e con colletto, spesso in fantasia tartan o in colori pastello.

Pur non essendo mai passato di moda, ultimamente è tornato in voga in chiave rivisitata: lungo o corto, lo troviamo in jeans, con maniche a palloncino, gonna plissettata, scollo a barca: insomma ce n’è per tutti i gusti!

Proprio la sua semplicità e versatilità sono i punti forti che lo rendono un capo adatto a tutti i tipi di fisico: la vestibilità morbida e l’accento sul punto vita creano una bella silhouette senza segnare fianchi o altri punti critici. Inoltre il fatto che sia un pezzo unico contribuisce a dare slancio alla figura.
Sia abbinato con delle espadrillas che con sneakers lo trovo uno degli indumenti più adatti per la stagione primavera/estate.

Processed with VSCO

Nel mio outfit ho scelto di proporvi una variazione moderna dello chemisier, un camicione bianco in tessuto semi trasparente, abbinato a un total black: leggings in similpelle, tronchetti scamosciati con cerniera dorata e chiodo. A vivacizzare il look diversi tocchi di colore dati dalla shopper fuxia a tono con la tinta labbra e l’orologio bicolore, lo smalto verde pastello e lo statement ring dorato laccato di verde e fuxia.

Lo chemisier è un capo a cui non si può proprio rinunciare! E voi ne avete qualcuno nel vostro armadio?

Processed with VSCO

Processed with VSCO with hb1 presetProcessed with VSCO

Chemisier: Klixs Woman (old collection)

Leggings: Calzedonia

Ankle boots: Stadivarius

Biker: Calliope

Bag: Michael Kors

Watch: Ops Objects (shop it HERE use code OPSITSSTELIA for 20% off)

Nailpolish: Faby “pool party”

Liquid lipstick: Pupa n. 072

Fashion trends s/s 2017: SheIn wishlist

Con l’arrivo di marzo nella mente di una fashionista scatta matematicamente la domanda: “quali sono i capi da avere per la stagione primavera/estate?” Nell’ottica di abbandonare cappotti, sciarponi e filati in lana si fa spazio nell’armadio a colori pastello, texture leggere, fantasie floreali e tutti quegli elementi che fanno pensare subito alla primavera. Curiosando sul sito SheIn, che offre un’ampia scelta tra abbigliamento e accessori provenienti dallo street style, ho stilato la mia wishlist scegliendo i capi che preferisco e che rispecchiano i tend della prossima stagione. Pronti a scoprire i must have su cui puntare?

Embroidery

Ricami di fiori, piante, farfalle, uccellini: apri l’armadio e ti sembra un giardino! Personalmente adoro questo tipo di decoro e lo trovo adattissimo alla stagione primaverile: che siano su un abitino a fondo nero, una camicia a righine bianche e blu, dei ripped jeans o degli stivaletti anni 70, i ricami sono dei dettagli a cui non potrò sicuramente rinunciare.

Embroidery

Pink

Il rosa, in tutte le sue gradazioni, dal bold pink al rosa antico, è una delle tinte protagoniste della stagione primaverile 2017. Ideale sia per dare un tocco di colore sia per creare un outfit monocromo, lo troviamo declinato in varie texture. Tra i tessuti più in voga il cotone, leggero e versatile, ideale per la maglia sbarazzina con maniche a tre quarti e l’abitino con volant, e il velluto, che troviamo nelle pumps con laccetto alla caviglia e nell’abitino salopette a costine.

Pink

Volant

Rouches, volant, arricciature: non può mancare nel vostro guardaroba almeno un capo arricchito da queste curiose e allegre “ondine”. Uno stile più classico per la camicia a righine con scollo a rouches e bottoncini, più sbarazzino per la maglia con volant sulle maniche in giallo cromo, altro colore protagonista della primavera. I miniabiti monocolore presentano delle movimentate maniche a campana o una sequenza di grandi rouches che li rendono subito più vivaci.

Volant

Denim

Infine il denim: tessuto primaverile per eccellenza, mi fa subito pensare allo stile hippie e ai grandi festival di musica. Davvero eclettico, lo troviamo in un’infinità di nuances e combinazioni: arricchito da ricami, come nel jeans mom fit con strappi sulle ginocchia e nella giacca oversize, oppure dal sapore anni 90, come nella miniskirt dal lavaggio chiaro. Capo irrinunciabile, sia femminile che sportivo, è la salopette in denim bianco da abbinare a maglie stretch in colori pastello o top morbidi in vichy a quadretti.

Denim

Quali sono le tendenze della prossima stagione che più preferite? E a quale capo non potrete assolutamente rinunciare?

Double B Tailored Beauty: #stiamobio

img_1634

Da qualche tempo a questa parte ho iniziato ad interessarmi al mondo dei cosmetici bio, spinta dalla curiosità di conoscere di più al riguardo e di provarli e appurare se realmente i benefici sono quelli promessi. Ed è così che sono venuta a conoscenza del mondo Double B e della filosofia attuata dalla sua ideatrice, Sara Abbate (appunto con due B, non sbagliate!).

Visitando il suo sito e leggendo gli articoli esplicativi scritti da Sara ho compreso per prima cosa il fatto che la pelle è una barriera penetrabile e che alcune sostanze contenute nei cosmetici, essendo di dimensioni minuscole, riescono ad oltrepassare lo strato cutanea. Per questo motivo è molto importante sapere con certezza quali sono gli ingredienti che compongono creme, lozioni, balsami ecc. che andiamo a stendere sulla nostra pelle. Qui entra in campo l’INCI, ovvero l’elenco degli ingredienti contenuti in un prodotto cosmetico: è una nomenclatura utilizzata a livello internazionale e non è esattamente di immediata comprensione. Per cercare di interpretare un po’ le etichette dei prodotti è utile sapere che gli ingredienti sono elencati in base alla quantità presente, dal maggiore al minore, e che sono trascritti in latino o in inglese.

img_1143

I prodotti Double B sono realizzati esclusivamente con prodotti di origine naturale e di alta qualità. Inoltre sono 100% vegani e cruelty free, il che in breve significa che non vengono testati su animali ne composti da ingredienti di origine animale o testati su di essi. Se siete curiosi di capire cosa significa esattamente “cruelty free” vi rimando a questo articolo dove Sara spiega la sua concezione e che personalmente mi ha aperto gli occhi su questo tema.

Ma passiamo ai fatti. Tra i vari prodotti Double B ne ho provato uno della linea viso, il Lip Balm. Il prodotto è a base di olio di Argan, burro di Karité, vitamina E ed un trattamento nutriente, idratante e protettivo per le labbra. Grazie alle sfere di Acido Jaluronico presenta inoltre un effetto volumizzante.
Sto usando il lip balm da circa due settimane e la mia esperienza è senz’altro positiva: ne applico un leggero strato ogni mattina dopo aver deterso il viso e le mie labbra rimangono morbide ed idratate per tutta la giornata. La texture leggera e il profumo delicato lo rendono ancora più gradevole da usare.

img_1069

Dopo anni di inverni passati con le labbra screpolate e infinite passate di burro cacao posso finalmente affermare di aver risolto il problema. Per me questo lip balm è approvato al 100%!
Visitate il sito Double B per scoprire tutta la gamma di cosmesi bio ideata da Sara per prendersi cura della propria pelle e regalarsi una piacevole e consapevole coccola quotidiana.

Double B Tailored Beauty: FacebookInstagram 

Fashionistas love Nunuco Design

img_1689

Ho sempre pensato che gli accessori siano indispensabili. Hanno un peso non indifferente in un look, anzi oserei dire che se usati nel modo giusto facciano la metà del lavoro per rendere tutto l’insieme curato, vivace e creativo.

Se poi alla loro bellezza si unisce anche la funzionalità possiamo definirli perfetti. È il caso dei prodotti Nunuco Design: questo web shop finlandese crea oggetti per uno stile urbano colorato, giocoso e chic. I vari design prendono ispirazione da cose semplici della vita quotidiana elaborandole però in chiave creativa. Tutte le stampe sono dipinte ad acquarello in uno studio in Finlandia per ottenere un effetto molto naturale mantenendo la vividezza dei colori e la texture acquerellata.
I due prodotti Nunuco che d’ora in poi non mancheranno mai all’interno della mia borsa sono: il portafoglio/portacellulare e il portamonete.

img_1783

Il primo all’esterno presenta un rivestimento in finta pelle saffiano con effetto marmo bianco e grigio, con cerniera e dettagli rose gold. Al suo interno in total white troviamo a sinistra una taschina più grande per custodire il cellulare e a destra sette slot dove inserire carte e tessere. Il portafoglio è facilmente portabile anche come mini pochette grazie a un laccetto con gancio rimovibile da mettere al polso.

Il portamonete, circolare e di piccole dimensioni, è anch’esso rifinito con hardware rose gold. Presenta su entrambi i lati un disegno acquerellato di una peonia fuxia con foglie verdi su fondo rosa. L’interno è totalmente rivestito di fodera rosa e risulta abbastanza capiente nonostante le dimensioni ridotte.

img_1787

Questi due accessori si compensano in un connubio di funzionalità e stile degno di una vera fashionista urbana. Se siete in cerca di accessori d’effetto e al passo con gli utlimi trend dello street style, ad esempio cover per smartphone, agendine, portapassaporti ecc, visitate il sito Nunuco Design: sono certa che troverete quello che fa per voi e diventerete delle vere Nunuco girls!

Nunuco Design: Website – InstagramFacebook Pinterest

90’s vibes

img_1304Dando un’occhiata alle ultime tendenze dello street style è impossibile negarlo: gli anni 90 sono tornati! Camice di flanella annodate in vita, giubbotti di jeans oversize, maglioni a collo alto e minigonne tartan: sembra quasi di essere dentro una puntata di Beverly Hills 90210.

La moda di quegli anni era a dir poco controversa, fatta di contrasti ed eccessi: alcuni capi, ad esempio le zeppe Buffalo, i giubbotti in acetato e i discutibili calzettoni di spugna, sarebbe meglio cancellarli dalla nostra memoria. Ma si sa, la moda è fatta di corsi e ricorsi, e imparando dagli errori passati è possibile rispolverare vecchi capi e creare abbinamenti dal sapore un po’ grunge ma assolutamente perfetti e al passo con le tendenze.
Visto il revival di questo mitico secolo il mio outfit non poteva non ispirarsi alla moda del periodo, naturalmente rivisitata a modo mio, in chiave moderna e personale.

img_1488-f

Capo must dei 90’s è di sicuro il jeans, rigorosamente a vita alta. Questo modello da due anni circa è stato riproposto dai brand, soprannominato “mom jeans” proprio in riferimento al fatto che fosse indossato dalle nostre mamme vent’anni fa. Provate a sbirciare nel loro armadio: è impossibile non trovarci almeno un paio di questi iconici denim.

img_1388

Ho abbinato il mio mom jeans con un maglioncino crop rosa a punto costa inglese, dalla vestibilità morbida e con allacciatura decorativa sui lati. I dettagli chiave del look sono: la bandana annodata in testa, i calzini a rete e le Adidas Superstar, nelle quali le iconiche strisce diagonali nere sono sostituite da una fantasia pop multicolor. Immancabile anche il choker al collo, in questo caso nero e sottile.

img_1564-f

Il bangle silver con impressa la mia costellazione, il Saggittario, gli anellini con fiocco e con pietra bordeaux, a riprendere lo smalto, insieme alla mia fedele postina in pelle grigia rendono l’outfit più attuale e fresco.

Il mio rapporto con la moda degli anni 90 è un po’ di amore e odio, però confesso di essermi molto divertita a creare questo outfit diverso dal solito. E voi come la pensate sul ritorno di questo stile? Vi piace o vi sembra ormai datato?

img_1312img_1527-01img_1238

Pullover: Rosegal (shop it HERE)

Jeans: Shana

Shoes: Adidas

Socks: Tezenis

Belt: Stradivarius

Rings & choker: Born Pretty Store (shop them HERE – HEREHERE use code ITIT10 for 10% off)

Bangle: The Silver Loft (shop it HERE)